Home » 10 consigli per rendere la tua vita più eco-sostenibile

10 consigli per rendere la tua vita più eco-sostenibile

10-consigli-per-rendere-la-tua-vita-piu-eco-sostenibile

ETIMOLOGIA DI ECOSOSTENIBILITA’

Il concetto di sostenibilità è argomento ormai di diffuso uso e costume. La prima cosa che mi viene in mente quando qualcuno pronuncia il termine “sostenibile“, è l’immagine di due colonne che sorreggono una trave. E, tenendo conto dello scopo per le quali sono state create, mi aspetto che siano sufficientemente forti e poderose da scongiurare un potenziale crollo. In realtà, sono sicuro che il costruttore le abbia realizzate con le caratteristiche giuste per sopportare quel peso sulle spalle, che in caso contrario, comprometterebbe la tenuta della struttura.
Esattamente come quelle due colonne, anche l’ambiente possiede una sua sostenibilità. Che nel caso specifico, definiamo ecosostenibile, che dal greco significa proprio “dimora” o “luogo in cui si vive”. Come i nostri beniamini dello sport, anche l’ambiente che ci circonda va sostenuto e noi dobbiamo diventare i suoi supporters più accaniti.

COME DIVENTARE PROTAGONISTI DI UN AMBIENTE PIU’ ECOSOSTENIBILE

Come per ogni buon inizio, si parte sempre camminando a piccoli passi e si comincia dalle operazioni che facciamo più frequentemente e che possono fare la differenza nel risparmio di energia.
Quindi in questo breve articolo vi elencherò dieci tra i consigli che potrete decidere di seguire se volete dare il vostro prezioso contributo contro gli sprechi energetici per un pianete più sostenibile:

  1. E’ di vitale importanza nutrirsi per sopravvivere e, nella maggioranza dei casi, è necessario procedere a cottura del cibo. Uno degli elettrodomestici più amati per questo scopo nonché noto depauperatore di energie, è il mitico forno elettrico. Possiamo controllarne i consumi, preferendo il tipo “ventilato” a quello “statico”, la quale versione è dotata di ventilatore che soffiano sul calore favorendo una migliore distribuzione e conseguentemente cottura più omogenea del cibo. Sulla bolletta ci guadagnerete uno sconto del 30 % circa.
  2. Il nostro compagno delle “merende” da rinfrescare e non scaldare come quello prima, è il celebre frigo. Accortezze per farlo faticare meno: posizionatelo lontano da fonti di calore e tenetelo “abitato” per almeno il 70 % della capienza totale. Magari disponete i vari prodotti in ordine di scadenza e tenendo conto delle correnti interne che creano zone più calde a monte e zone più fredde a valle dei vari comparti.
  3. Siamo tutti d’accordo che per essere accettati in questa società bisogna lavarsi. Oggi poi, in tempi di pandemia, il lavaggio delle mani è diventato il rito più celebrato di tutta la giornata. L’acqua è un bene indispensabile e va utilizzata con raziocinio senza inutili dispendi. Montate sul vostro rubinetto un rompigetto aeratore che, gasando l’acqua al passaggio attraverso una fitta rete di lamelle, ne aumenterà il volume e di conseguenza il flusso del 30-60 % a parità di apertura con un rubinetto sprovvisto di questo sistema.
  4. Qualcuno disse: “Sia la luce!”. Eravate voi la sera quando al calar delle tenebre spingete l’interruttore per illuminare le vostre stanza. Optate per una lampada LED, che prendendo uno vi ripaga con cinque. Riesce infatti ad emettere un fascio di potenza quintuplicata rispetto ad una semplice lampadina, pur assorbendo la stessa quantità di energia.
  5. Il Generale Inverno è alle porte e inizia la stagione della pelle d’oca. A proposito: quante oche spennate per fare il piumino che state indossando? Acquistate capi in cotone, flanella ed evitate la lana. Oppure usate indumenti in pile, tessuto ottenuto da riciclo di plastica. Ringrazia l’ambiente e gli animali. Soprattutto quelli in via d’estinzione.
  6. E per rimanere in tema invernale: copritevi anche in casa ed eviterete un salasso in bolletta e in CO2 .
  7. Avete un pezzetto di terra? Mettete su un orticello ecosostenibile con le verdure che consumate maggiormente. I proventi da agricoltura intensiva che reperite sugli scaffali dei supermercati, sono ottenuti spesso attraverso un utilizzo incondizionato di fitofarmaci che arrecano danni a noi e alla terra.
  8. Siete membri dello staff della sagra dello squacquerone? Lasciate perdere le posate in plastica e scegliete quelle di legno. Compostabili e realizzate a partire da foreste dedicate e a condizione che ad albero tagliato ne corrisponda un altro piantato
  9. Noi e il vostro medico vi raccomandiamo fortemente di camminare. Servitevi del vostro automezzo solo nei casi strettamente necessari. Per il resto ci sono i vostri bei piedini o una bicicletta. Contribuirete a creare meno traffico, meno incidenti e ovviamente, meno emissioni in atmosfera.
  10. Infine, adesso che avete a cuore i problemi dell’ambiente avete anche un motivo in più per smettere di fumare e ridurre così i terreni sfruttati per le coltivazioni di tabacco che richiedono un enorme fabbisogno di acqua e nutrienti e sottraggono terra ad altri scopi.

MORALE PER UN AMBIENTE CHE DEVE CONTINUARE AD ESSERE UNA FAVOLA

Tutto ciò che ci circonda c’era prima di noi e vogliamo che ci sia anche dopo. Rispettalo e aiuta a conservarlo per i tuoi figli. Puoi solo ricevere ancora più benefici di quanti non ne stai ricevendo anche adesso.
La natura disse qualcuno, è di prima mano. Usiamola con mani delicate e lasciamola come l’abbiamo trovata. Fai diventare più sostenibile la tua presenza in questo ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.