CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI ED EDUCATORI

Attività realizzata nell’ambito del protocollo d’intesa siglato con il MIUR in data 21-10-2010 e rinnovato nel 2013.

Il cibo, come ogni prodotto dell’attività dell’uomo, influisce sulle risorse naturali e sulle nostre condizioni di vita, soprattutto oggi che il nostro pianeta sta subendo cambiamenti molto rapidi e si trova a dovere sfamare oltre sette miliardi di persone. Nel mondo industrializzato il modo di produrre e consumare cibo ha un grande impatto sulle risorse del Pianeta, una profonda riflessione su queste due azioni, con l’attivazione di comportamenti conseguenti, significa agire per un futuro sostenibile. Per poter garantire che nei prossimi decenni il cibo sia una risorsa disponibile per tutti serve tutelare l’ambiente da cui l’uomo trae le materie prime e l’energia, quindi per farlo occorre prestare attenzione a cosa c’è dietro al cibo che mangiamo: emissioni di anidride carbonica e altri gas serra, emissione d’inquinanti nel suolo, nelle acque, nell’atmosfera, nella piramide alimentare, depauperamento delle risorse, quantità di rifiuti prodotti, riduzione della biodiversità e degli equilibri ecosistemici. La sfida consiste nell’individuare nuovi modelli di consumo alimentare, capaci di migliorare la qualità della vita delle persone nel rispetto dell’ambiente e nella valorizzazione del territorio.

Il WWF Italia ha attivato già da alcuni anni una riflessione e una ricerca su queste tematiche, realizzando dossier, studi, articoli di approfondimento. Il problema della ricerca di un’alimentazione sostenibile dal punto di vista ambientale è un problema complesso dalle grandi opportunità educative. La consapevolezza delle conseguenze delle proprie azioni sull’ambiente significa orientarle sapendo che ogni alimento ha una “storia” legata al territorio da cui proviene.

 

La scuola può diventare un centro importante di sensibilizzazione e di diffusione di buone pratiche di alimentazione sostenibile se diventa consapevole di essere uno snodo attivo per l’attivazione di competenze alimentari curriculari da far acquisire ai giovani, che sono i consumatori del presente e saranno i consumatori del futuro.

 

I corsi formazione docenti – educatori avranno importanti riferimenti culturali e istituzionali, un primo spunto verrà da State of the World 2011, il rapporto sullo stato del Pianeta pubblicato dal Worldwatch Institute, che ha come titolo “Nutrire il Pianeta” e vede nell’innovazione delle tecnologie alimentari la chiave per ridurre la povertà e stabilizzare il clima.

 

Il WWF Italia, nei suoi cinquant’anni di attività educative, ha cercato di riflettere in modo particolare sulla metodologia della conduzione dei corsi rivolti agli insegnanti ed educatori, nella convinzione che anch’essa sia una testimonianza della coerenza verso i principi di sostenibilità dichiarati dall’Associazione.

 

Si cerca, quindi, di realizzare contesti di apprendimento/ricerca azione nei quali fare attenzione alle relazioni positive tra i partecipanti (ad esempio si dà spazio all’accoglienza dei partecipanti ai corsi, se ne valorizzano le esperienze e le competenze, si cerca di creare un clima positivo di benessere e di collaborazione) e ai tempi /ritmi di lavoro (ad esempio si cerca, nei limiti dei vincoli dati dalle esigenze anche dei relatori, di alternare lezioni frontali e dibattiti, attività di movimento e attività di riflessione).

 

All’interno di un contesto di relazioni, metodologie e strutture sostenibili il WWF Italia propone con il progetto a docenti delle scuole di ogni ordine e grado ed educatori (nidi e scuole per l’infanzia, centri di educazione ambientale, cooperative e società di servizi ambientali, operatori delle fattorie didattiche) 8 corsi di formazione a iscrizione gratuita per fornire elementi di approfondimento, strumenti e stimoli per realizzare con le classi percorsi focalizzati sui legami tra l’alimentazione e il territorio.

 

Ai docenti ed educatori partecipanti al corso di formazione verrà proposto, partendo da un primo momento di accoglienza e di conoscenza, un quadro della situazione riguardo i legami che intercorrono tra alimentazione e sostenibilità, tra alimentazione sostenibile e territorio, tra i nostri consumi alimentari e le loro conseguenze. Il corso di formazione vuole essere un’occasione non solo per acquisire informazioni e per venire a conoscenza di esperienze già consolidate, ma anche per sperimentare metodologie di lavoro da utilizzare con le classi.

WWF Italia è Ente riconosciuto e accreditato presso il MIUR per la formazione dei docenti, i corsi di formazione realizzati nel progetto saranno pertanto riconosciuti validi nei termini di legge come aggiornamento docenti. A tutti i partecipanti sarà rilasciato un attestato di partecipazione.

Il MIUR, con il Protocollo d’Intesa stipulato EXPO2015 il 15 ottobre 2013 e con le sue Linee di Indirizzo, sollecita le scuole italiane a partecipare al progetto scuola di EXPO e  farsi promotrici di iniziative inerenti le tematiche connesse all’evento EXPO2015.

L’ufficio Educazione del WWF collaborerà con il MIUR e con Expo Scuola per stimolare il lavoro di queste istituzioni anche grazie ai contenuti e proposte didattiche del progetto presenti anche nel sito di Expo Scuola.